Uccise moglie a bastonate, è evaso dal manicomio criminale

 omicidio moncalieri  Direttanews
(Websource)

E’ evaso il giorno di Ferragosto Lucian Valcelian, il romeno che a febbraio aveva massacrato la moglie davanti al più grande dei loro 4 figli. L’uxoricidio di Magda Valcelian, 27 anni, si era consumato nel pomeriggio del 9 febbraio di quest’anno nella fabbrica abbandonata Altissimo a Moncalieri. L’uomo è riuscito a far perdere le sue tracce evadendo dall’ospedale psichiatrico giudiziario di Castiglione delle Stiviere, in provincia di Mantova, dove era detenuto perché ritenuto soggetto con problemi mentali.

L’uomo, subito dopo l’omicidio, era scappato su un bus della linea 45 ed è arrivato al capolinea di Torino in piazza Carducci. Da lì era iniziata una lunga fuga a piedi; la polizia per circa 24 ore lo aveva cercato ovunque: nei campi nomadi, nelle stazioni ferroviarie, negli aeroporti e presso i terminal bus. L’assassino, che aveva precedenti per furto e ricettazione, era stato avvistato alla periferia Nord di Torino, poco dopo era stato rintraccato e arrestato. In molti pare avessero notato il particolare abbigliamento: felpa e pantaloni e una coperta come cappotto.

Il luogo dell’efferato delitto era stato appunto il capannone della fabbrica abbandonata, un tempo di proprietà dell’ex ministro Renato Altissimo, realizzava fanali e accendini per il gruppo Fiat. Era stata chiusa a fine anni Novanta e di recente era divenuto un vero e proprio dormitorio per sbandati e senzatetto, emblema di quelle che sono divenute negli anni tante zone periferiche italiane. Anche al momento dell’omicidio erano una quindicina le persone presenti nella struttura, che hanno collaborato con gli inquirenti raccontando che il rumeno avrebbe preso il ramo di un albero e avrebbe iniziato a percuotere pesantemente la donna.

 

GM