Ubriaco e contromano travolge motociclista e scappa

Carabinieri (Franco Origlia/Getty Images)
Carabinieri (Franco Origlia/Getty Images)

Un uomo di 48 anni, siciliano residente a Piacenza e già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato su disposizione del sostituto procuratore Emilio Pisante dai carabinieri di Piacenza per aver travolto e ucciso il 64enne Pinuccio Zambianchi, che si trovava in sella a uno scooter insieme alla moglie. Per il pirata della strada le accuse sono gravissime: omicidio colposo,  guida in stato di ebbrezza (aveva un tasso di quasi cinque volte oltre il limite) resistenza a pubblico ufficiale e lesioni gravi.

L’uomo, a bordo della sua auto, una Fiat Punto, ha imboccato contromano la via Emilia a Pontenure, nel Piacentino, dopo essere uscito da una rotatoria, e ha travolto lo scooter, un Honda 600 guidato dalla vittima che proveniva dalla parte opposta. Marito e moglie sono stati trasportati entrambi d’urgenza in ospedale a Piacenza, dove il 64enne è morto poco dopo.  Da quello che si apprende la moglie sarebbe fuori pericolo.

A bloccare il 48enne sono stati i carabinieri della stazione Levante di via Caccialupo, che lungo la tangenziale hanno notato la Fiat Punto, distrutta davanti e con il motore che fumava, diretta verso Piacenza. In seguito ai riscontri fatti, è emerso che l’uomo poco prima aveva causato l’incidente, poi rivelatosi mortale. A ricostruire l’esatta dinamica dei fatti la testimonianza di alcuni passanti, i quali hanno sostenuto che il pirata della strada, subito dopo aver investito lo scooter, ha fatto retromarcia passando sul corpo del 64enne, quindi si è dato alla fuga. Il 48enne verrà processato per direttissima stamattina.

 

GM