Grillo difende il premier ungherese Orban: “Non è un nazista”

Grillo Orban
(ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Sul blog di Beppe Grillo è comparsa una discutibile difesa a spada tratta di Viktor Orban, il premier ungherese famoso per la sua intransigenza verso gli stranieri e per la sua scelta di innalzare un muro a difesa dei confini magiari. Sul sito di Grillo è stato pubblicato un articolo in cui si fa un elogio del governo Orban: “L’Ungheria era in fallimento, con la spirale austerity-debito/PIL solita. Oggi viaggia al 3,6% di PIL, con un deficit/PIL sotto il 3% e inoltre ha ridotto il debito dall’80,9% al 77,3% dove ovunque in Europa invece è aumentato. Ha ridotto il debito estero, ha aumentato le riserve valutarie. Tutto questo in un’Europa dove la crescita è asfittica e cresce solo il debito. L’Unione europea rosica infuriata e non potendo dire niente manda fuori analisi “che non durerà”. I giornali intanto parlano solo «del muro» e del fatto che Orban ha detto chiaro e tondo che l’Ungheria accetta stranieri ma non vuole essere un Paese multietnico con una immigrazione forzata di massa. Ma non dicono una riga sul resto, né fanno un confronto con gli altri Paesi sotto il profilo economico e sociale”.

Del resto Grillo aveva già espresso personale apprezzamento per il leader ungherese unendosi a lui nelle critiche feroci ad Angela Merkel per la sua gestione dell’emergenza migranti in Europa.

F.B.