La Danimarca non vuole migranti, bloccati treni e autostrade

Danimarca Profughi
(CLAUS FISKER/AFP/Getty Images)

La Danimarca non vuole migranti nel proprio territorio e sta facendo di tutto per farlo capire chiaramente a tutti. Aveva destato molto scalpore l’annuncio pubblicato sui giornali libanesi da parte del Ministero dell’Immigrazione danese nel quale il governo di Copenaghen faceva sapere di aver introdotto delle norme che riducono fino al 50% i sussidi ai profughi appena giunti nel Paese e che limitano le possibilità di ottenere il permesso di soggiorno. Inoltre si faceva sapere che durante il primo anno non è consentito il ricongiungimento famigliare coi parenti rimasti nel Paese d’origine. Per dare seguito a questo messaggio sono arrivate poi anche delle azioni concrete. E’ stato sospeso “a tempo indeterminato” il traffico ferroviario tra Germania e Danimarca ed è stata chiusa l’autostrada che collega Copenaghen con la cittadina danese di Padborg, proprio al confine con la Germania. Su questa strada si erano messi in marcia circa 300 profughi che avrebbero voluto percorrere a piedi gli oltre 300Km che dividono le due città, ma le loro speranze sono state spente dall’intervento della polizia danese che ha parzialmente chiuso il passaggio. In realtà le autorità danesi fanno sapere che si è trattato di un intervento non invaso fatto con l’intento di regolarizzare il flusso ed evitare incidenti dato che nel folto gruppo di migranti erano presenti anche molti anziani e bambini.

F.B.

Leggi anche:

“Non sono profughi, vogliono solo il benessere tedesco”

Le Pen contro Merkel: “Apre le porte ai migranti perché recluta nuovi schiavi”