Merkel: “I profughi imparino in fretta il tedesco e avranno subito un lavoro”

Merkel Jucker Migranti
(Adam Berry/Getty Images)

Angela Merkel ha parlato davanti al parlamento tedesco e in linea con il suo stile è stata molto pragmatica indicando quali sono i prossimi step per l’integrazione definitiva di tutti i profughi siriani che stanno arrivando in Germania. La Merkel non vuole perdere tempo: “Coloro che cercano asilo e che vedono riconosciuto il diritto d’asilo hanno bisogno del nostro aiuto. E bisogna integrarli velocemente. E altrettanto velocemente devono imparare velocemente il tedesco e avere velocemente un lavoro. Diventeranno cittadini tedeschi”. La cancelliera poi spiega bene quale sia la sua idea di integrazione: “Un Paese che dice “benvenuti” a tante persone deve anche dire quali sono le regole. Anche questo fa parte di una società aperta. Non ci sarà nessuna tolleranza per la società parallela”.

Contemporaneamente alla Merkel parlava a Strasburgo Jean Claude Juncker, presidente della Commissione Europea, nel suo primo discorso sullo stato dell’Unione. Anche le sue parole su cos’è e cosa deve essere il nostro Continente sono state molto importanti: “L’Europa non è chi si volta da un’altra parte, chi appicca il fuoco ai campi di raccolta. L’Europa sono i ragazzi di Kos che portano i panini ai siriani, chi ha applaudito il loro arrivo nella stazione di Monaco”. Juncker ha poi aggiunto: “Ora la priorità è affrontare l’emergenza dei profughi. È una questione di umanità e dignità. Siamo di fronte a numeri spaventosi, ma dobbiamo reagire. Del resto, la nostra storia, la storia di noi europei, è la storia di rifugiati. E stiamo parlando non di secoli fa, ma di pochi anni fa”.

F.B.

Leggi anche:

“Non sono profughi, vogliono solo il benessere tedesco”

Le Pen contro Merkel: “Apre le porte ai migranti perché recluta nuovi schiavi”