Badanti in manette: narcotizzavano anziani e li rapinavano

Sonnifero (Christopher Furlong/Getty Images)
Sonnifero (Christopher Furlong/Getty Images)

Quattro donne romene sono state arrestate a Roma con l’accusa di aver narcotizzato anziani e di averli poi rapinati; il loro metodo di “approccio” alle vittime era sempre lo stesso: contattavano persone sole e in cerca di compagnia, quindi fissavano un appuntamento con loro. Quando poi riuscivano a introdursi in casa, non avevano alcuna remora a narcotizzarle con del sonnifero, per poi derubarle degli oggetti di valore presenti nell’abitazione.

Il potente sedativo, che nelle intercettazioni le quattro rumene chiamavano “latte”, veniva messo nelle bevande che di volta in volta le donne si prodigavano di offrire agli anziani. Le “badanti” non agivano da sole, ma avevano dalla loro la complicità di alcuni connazionali e di un italiano, compagno della figlia di una delle quattro, che si muoveva nel mercato della ricettazione, provando a piazzare di volta in volta la refurtiva, rappresentata da cellulari, gioielli di varia fattura e oggetti in oro.

Tredici gli episodi accertati, uno dei quali ha consentito l’arresto in flagranza di una delle donne. L’ultima vittima è infatti un novantenne, cardiopatico e con patologie gravi, che dopo la somministrazione del solito farmaco è rimasto in coma per alcuni giorni. Alcune delle donne arrestate nelle scorse ore avevano già precedenti penali. Ora si trovano ristrette a Rebibbia, con l’accusa di rapina aggravata, ricettazione e possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi.

Leggi anche

Sonnifero nel caffé: così rapinava gli anziani

Roma. Arrestata rapinatrice di ambulanti: li stordiva con caffè corretto al sonnifero

Padova: carabiniere violentava turiste

Rapinatrice seriale a Siracusa: adescava uomini e poi li derubava. Arrestat