Antonio Conte si avvicina alla Roma?

Antonio Conte (getty images)
Antonio Conte (getty images)

Secondo indiscrezioni raccolte dalla nostra redazione potrebbe concludersi  presto l’avventura di Antonio Conte sulla panchina della Nazionale italiana. L’ex allenatore della Juventus è un uomo di campo e il selezionatore di una nazionale non fa per lui. Preferisce stare sul terreno di gioco ad allenare tutti i giorni, non una ogni tre mesi. Conte potrebbe tornare ad allenare in Serie A. Qualora lasciasse la squadra azzurra potrebbe diventare il principale candidato alla panchina della Roma come successore di Rudi Garcia. Uno scenario plausibile dopo l’Europeo che si disputerà il prossimo anno in Francia. L’ipotesi capitolina dovrebbe essere la prima scelta ma ci sono altre squadre sull’allenatore della Nazionale: tra queste il Milan e il Paris Saint-Germain. Da parte loro i  tifosi giallorossi preferirebbero altri nomi come Spalletti, che ha già fato molto bene a Roma, Lippi, Mazzarri o il grande scenario che porterebbe a Carletto Ancelotti. Per il momento tuttavia il presidente James Pallotta non intende cambiare guida tecnica: in questa stagione cercherà di fare il meglio possibile con Garcia in panchina, poi si vedrà. E se presidente federale Tavecchio si muove sul filo della continuità dichiarando di essere disposto a rinnovare il contratto a Conte qual’ora l’Italia disputasse un grande campionato continentale è lo stesso ct a rilasciare dichiarazioni che aprono ad ipotesi diverse: “Roma mi piace molto, si sta bene”.  Non mancano i candidati alla guida della Nazionale, qualora Conte ne lasciasse la guida. Nelle ultime settimane sono usciti molti nomi per un nuovo, possibile, corso azzurro. I principali candidati potrebbero essere: Gianpiero Ventura, Vincenzo Montella e Massimiliano Allegri. Per l’attuale tecnico del Torino sarebbe un premio per le ultime stagioni dove ha riportato in granata a respirare l’aria europea; Vincenzo Montella è rimasto a piedi, dopo l’addio alla Fiorentina, a causa della mancata chiamata di Milan e Napoli e a meno di scossoni dovrebbe rimanere “disoccupato” fino alla fine di questa stagione. Un discorso a parte merita Allegri:  l’allenatore della Juventus dopo la prima grande stagione bianconera, culminata con la finale in Champions League, ha qualche dubbio sull’opportunità di rimanere a Torino,  soprattutto dopo le grandi cessioni di Marotta&Co. Dopo il campionato europeo potrebbe dunque  nascere un intricato duello per alcune panchine di Serie A. Tuttavia bisognerà aspettare i risultati che verranno in questa stagione: alcuni exploit potrebbero rivoluzionare ogni scenario, dal rinnovo di Conte con la Nazionale a quello di Rudi Garcia con la Roma in caso di un’ottima Champions League e di un campionato di vertice.

Alessandro Nobile