Milioni di veicoli Toyota richiamati: rischiano di prendere fuoco

Toyota (Joe Raedle/Getty Images)
Toyota (Joe Raedle/Getty Images)

Ancora guai in casa Toyota, che già a febbraio dello scorso anno ha richiamato 1,9 milioni di vetture, costruite tra il 2009 e il 2014, delle quali quasi seimila in Italia, perché occorrevà aggiornare, in tempi rapidi, il software della centralina di gestione del sistema di propulsione, poi altri veicoli erano stati richiamati per difetto di airbag e in precedenza – nel 2013 – era toccato a 242mila pezzi con problemi di freni.

Stavolta il “guasto” per il colosso giapponese dell’auto assume numeri davvero considerevoli: si tratta infatti di 6,5 milioni di auto a livello globale per un difetto rilevato all’alzavetro elettrico, il cui interruttore sarebbe a rischio di cortocircuito e di possibile incendio. Nello specifico si tratta di 2,7 milioni di auto vendute in Nord America, 1,2 milioni in Europa e 600.000 in Giappone. Tra gli altri modelli, figurano Matrix, Highlander, Tundra, Sequoia e Scion xB.

“La fusione dell’interruttore del finestrino potrebbe produrre fumo e, potenzialmente, portare ad un incendio”, si legge in un’email della Toyota, che però ha tenuto a precisare di non essere a conoscenza di veicoli che hanno avuto incidenti a causa di questo tipo di malfunzionamento, per cui si tratta sostanzialmente di un richiamo precauzionale.

GM