Tumore del Papa, parla il medico Fukushima: “Mai curato il Pontefice”

Papa Francesco
(FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

La parola fine alla questione legata al presunto tumore di Papa Francesco la mette (forse) il medico che secondo Quotidiano Nazionale avrebbe visitato il Pontefice in Vaticano. Si tratta del neurochirurgo giapponese Takanori Fukushima che interviene parlando all’Ansa: “Sono state scritte tante falsità, non ho mai curato il Papa: l’ho incontrato solo una volta e non credo si ricordi di me. Non parlo italiano forse l’equivoco è nato dall’operazione al cervello che io ho fatto su una persona di fattezze e di età simile a quella del Pontefice, con un nome che suonava simile. Il Papa è una persona molto buona, semplice. Non so perché – conclude Fukushima – sia accaduto tutto questo, ma capisco che la sua è una posizione di grande importanza”. Il medico si definisce “stupito per l’inattesa sovraesposizione mediatica” e di tutto quello che è uscito in questi giorni conferma soltanto le due visite in Vaticano a ottobre 2014 e gennaio 2015 che nulla avevano a che vedere con la salute di Papa Francesco.

Immediata anche la controreplica di chi per primo aveva lanciato uno scoop diventato poi nel giro di pochi minuti un caso mondiale. il Quotidiano Nazionale ha voluto infatti puntualizzare alcune cose attraverso un comunicato firmato dal suo direttore Andrea Cangini: “Il professor Fukushima ha impiegato tre giorni a smentire una notizia che non abbiamo mai dato. Il Quotidiano Nazionale ha riferito che è stato chiamato in Vaticano per un consulto, non per una visita, e questo non fa certo di lui il medico curante del Santo Padre”.

La questione rimane nel suo complesso poco chiara e la sensazione che ci sia qualcosa dietro la semplice “cantonata” giornalistica è sempre forte. Molti pensano ad un complotto o comunque a trame ordite nelle retrovie con l’intento di “combattere” Papa Francesco e la scomodità di alcune sue riforme e decisioni.

F.B.

Leggi anche:

“Ormai è chiaro, questo Papa dà fastidio a molti”