Pedrosa: “Valentino si contraddice, non si guida così. Brutto esempio per i bambini”

KUALA LUMPUR, MALAYSIA - OCTOBER 24:  Dani Pedrosa of Spain and Repsol Honda Team  looks on during the press conference at th end of the qualifying practice during the MotoGP Of Malaysia at Sepang Circuit on October 24, 2015 in Kuala Lumpur, Malaysia.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)
 (Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Dani Pedrosa, compagno di Marc Marquez alla Honda  ha voluto commentare quanto successo domenica e schierandosi a favore del suo connazionale: “Questa volta do ragione a Marquez, sono dalla sua parte. Già in settimana c’era troppa tensione e questa cosa non doveva accadere, brutta pagina per il campionato. Conosco Marc, è un toro, non si sarebbe mai calmato anche se con quel gesto Valentino voleva solo dirgli di stare tranquillo. Su Rossi posso dire che si contraddice da solo: quando a fare l’aggressivo durante le gare era lui andava bene.  Lui ha sempre detto, in casi simili: ‘Le gare sono così’ mentre ora non è più una cosa sportiva.Quindi c’è contraddizione tra quello che diceva quando i duelli aggressivi finivano bene per lui, con ciò che dice oggi”. Sulle colpe lo spagnolo dice: “Il pilota che prende l’interno poi non deve andare lungo per portare l’avversario fuori pista, o almeno non in quel modo. In ogni caso le gare sono così, abbiamo già tirato fuori questo discorso ai tempi di Marco Simoncelli e della sua guida aggressiva. Dopo quelle polemiche pensavo che si era capito di gareggiare con la testa, ma forse mi sbagliavo”. Dani Pedrosa,concluso dicendo: ” Non voglio fare il moralizzatore ma chiedo soltanto un po’ di correttezza, siamo un esempio e i bambini non devono pensare che le gare si possano risolvere in quel modo”.

Alessandro Nobile