Urtò un’auto che finì in un fosso e fuggì. Dopo giorni si costituisce il campione di Volley

Earvin N’Gapeth
(Alexandre Schneider/Getty Images)

Il 6 novembre scorso alle 3.30 di notte un’auto pirata aveva urtato un’altro mezzo, facendolo finire in un fosso. Era accaduto a Modena all’uscita del “Frozen” di via Argiolas. Nell’impatto tre persone, tutti residenti nella provincia di Reggio Emilia,  erano rimaste ferite; una di esse, un uomo di 41 anni, in modo grave, tanto da essere ricoverato in prognosi riservata all’Ospedale di Baggiovara di Modena. Il responsabile dello scontro si era dato alla fuga senza prestare soccorso. La Polizia municipale aveva trascorso gli ultimi giorni a  raccogliere le testimonianze e ogni elemento utile a ricostruire l’accaduto. Le ricerche erano concentrate su una Volkswagen di colore nero ritenuta responsabile dell’investimento. Dopo qualche giorno l’epilogo:  è stato Earvin N’Gapeth, 24enne schiacciatore della Francia neocampione d’Europa di pallavolo e della Modena, a investire in auto le tre persone  e a fuggire. A renderlo noto è  la società Modena Volley che ha sospeso momentaneamente il giocatore. “Sono sconvolto e dispiaciuto –  ha dichiarato l’atleta – Ho deciso di presentarmi davanti alla Procura di Modena per assumermi le mie responsabilità. Chiedo scusa alle persone coinvolte, ai loro famigliari, alla società, ai miei compagni di squadra, agli sponsor e ai tifosi per il mio comportamento. Spero che possano riprendersi presto, mi dispiace moltissimo”. Modena Volley ha diffuso una nota: “Alla luce dei fatti che hanno coinvolto Earvin N’Gapeth, la società stessa vuole in primo luogo esprimere il proprio sostegno alle persone coinvolte nell’incidente e alle loro famiglie: Il fatto poi che Earvin N’Gapeth si sia assunto le proprie responsabilità – prosegue la nota – è un elemento che riteniamo fondamentale per la nostra società, perché è coerente con i valori che sono alla base della squadra e dello sport. Proprio per questo Modena Volley ha ritenuto giusto sospendere temporaneamente il giocatore dall’attività agonistica”.

ADB