13 anni, si impicca nel giardino di casa

Adolescenti (Christopher Furlong/Getty Images)
Adolescenti (Christopher Furlong/Getty Images)

Ancora un’adolescente suicida dopo una lite familiare, stavolta in un paesino della Gallura, dove un ragazzino di 13 anni si è tolto la vita ieri sera impiccandosi nel giardino di casa. Non sono chiare le ragioni del gesto, ma sembra che tutto nasca da una nota disciplinare fra i banchi di scuola che era stata comminata alcuni giorni prima al 13enne e a causa della quale ci sarebbe stata una lite coi genitori, uno dei tanti banali rimproveri che ogni adolescente subisce.

A ritrovare il ragazzino privo di vita è stata la madre, che ha subito chiamato i soccorsi. Sul posto sono intervenuti gli operatori del 118 che non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. Per andare fino in fondo alle ragioni del tragico gesto, sul posto sono arrivati anche i carabinieri di Olbia. Qualche giorno fa, nel torinese, una ragazzina di appena 12 anni, con problemi di anoressia, dopo essersi rifiutata di cenare e aver avuto per questo motivo un litigio con la madre, è uscita sul balcone, dicendo di aver bisogno di una boccata d’aria e si è lanciata nel vuoto.

Immediati erano stati i soccorsi, ma troppo gravi erano i traumi, soprattutto quello a livello cranico, provocati dal volo nel vuoto di oltre dieci metri. Secondo quanto si apprende, da qualche tempo, la ragazzina era divenuta anoressica e i familiari hanno sempre cercato di starle vicino, di cercare in qualche modo di esserle d’aiuto.

Leggi anche

Minori annunciano suicidio sui social, Interpol in allarme

Lite in famiglia, 15enne tenta il suicidio

Biella: adolescente si suicida col fucile del padre

Studentessa suicida a Forlì, indagati i genitori

Dramma a Roma: “Sono gay, tutti mi prendono in giro”. Si suicida a 14 anni

Suicida a 14 anni, l’ultimo biglietto per il papà

13enne suicida nel giorno del suo compleanno

GM