“Abbiamo il terrorismo sul pianerottolo e ancora tentenniamo?”

Matteo Salvini (MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)
Matteo Salvini (MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)

Noi aspettiamo che vadano avanti gli altri, la Russia, la Francia e noi facciamo finta di niente sperando che non ci attacchino, anche se i terroristi sono sul pianerottolo di casa nostra“, così – intervistato da Radio Cusano Campus – il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, commenta la scelta non-interventista del governo italiano, ribadita in qualche modo ancora una volta ieri dal presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Salvini ne ha anche per l’Unione Europea: “A Bruxelles dormono, aspettano una soluzione diplomatica con l’Isis, sono veramente fuori dal mondo. Noi come Lega spesso e volentieri veniamo sbeffeggiati e derisi, io mi sono preso dello sciacallo, ignorante e fascista. I veri ignoranti e imbecilli sono gli ipocriti, i buonisti, i pacifinti. Spero che il sangue di Parigi non sia l’ennesimo sangue sparso invano. Più dei terroristi ho paura di alcuni italiani e europei che dicono è colpa nostra, sono emarginati… Emarginati un par di palle. E’ colpa nostra un par di palle. Bisogna vedere se l’Islam è compatibile con la libertà che ci siamo conquistati”.

Il segretario del Carroccio ha parlato anche dell’unità del centrodestra, sancita di recente anche dalla manifestazione della Lega a Bologna: “Troveremo le persone migliori a Roma, Milano e Bologna, per rilanciare queste città. Marchini? Non lo conosco, non posso intervenire su ciò che non conosco. Ci sono sondaggi in corso, aspettiamo e vediamo. Sallusti è una delle proposte per Milano. Ci sono una serie di nomi che hanno dato la loro disponibilità, vedremo di tirar fuori i migliori, non necessariamente legati a questo o a quel partito. Meloni titubante per Roma? Raccogliere l’eredità delle ultime amministrazioni a Roma non è semplice. Serve gente onesta e coraggiosa e con le idee chiare“.

No allo ius soli

Infine, contestato anche lo ius soli: “E’ un pericolo. La Lega da sola l’aveva denunciato. Io sono a Bruxelles, ieri c’è stato un blitz, il 70 % sono stranieri, il 40% disoccupati, è lì c’è lo ius soli perché hanno anche diritto di voto i giovani delle seconde generazioni, abbiamo visto come si sono integrati bene. L’immigrazione alla mare nostrum, alla Alfano, alla Boldrini è un pericolo. La Boldrini dovrebbe essersi già dimessa per quello che ha fatto il mese scorso”.

Quindi sul ministro Alfano, del quale la Lega chiede le dimissioni: “E’ l’uomo sbagliato al posto sbagliato, speriamo che le forze dell’ordine e l’intelligence continuino a fare lo splendido lavoro che hanno fatto nonostante Alfano. Puoi limitare il rischio, puoi prevenirlo. In Italia entra e esce chi vuole senza alcun controllo”.

 

GM