Antiterrorismo: cercate la droga nelle fogne per trovare i jihadisti

Droga jihad Isis
(FADEL SENNA/AFP/Getty Images)

Come vi abbiamo raccontato c’è una droga che più di altre è associabile ai miliziani jihadisti che compiono attentati contro gli Occidentali. Si tratta del Captagon, una droga che nasce come farmaco stimolante e che tra gli effetti ha quelli di inibire la paura e cancellare ogni segno di affaticamento. Prodotta in Siria è una delle più vendute ai miliziani ed è anche stata trovata in diversi luoghi del crimine legati ad attentati terroristici jihadisti. Proprio partendo da questo dato Giovanni Serpelloni ed Elisabetta Bertol dell’Unità di ricerca interdipartimentale tossicologia forense e neuroscienze di Firenze hanno fatto una proposta interessante: “Sarebbe molto importante e possibile scoprire la presenza di queste particolari droghe usate dai terroristi Isis sui territori dei vari Stati europei per rilevare la loro presenza operativa. Il ritrovamento di questa sostanza nelle acque delle fogne, infatti, potrebbe essere una spia, una sorta di tracciante affidabile per individuare eventuali terroristi consumatori di queste sostanze e appartenenti all’Isis”. Un’idea senza dubbio interessante ed originale con evidenti basi scientifiche. Un metodo nuovo che potrebbe risultare un’arma in più per tutti i reparti antiterrorismo del mondo.

Gli esperti italiani hanno aggiunto che nel nostro Paese “abbiamo tecniche scientifiche e laboratori di Tossicologia forense in grado di farlo e pronti a eseguire analisi sofisticate ed affidabili. Questa droga è molto poco usata in Europa e quindi il suo ritrovamento diventa un marker specifico di queste pericolose persone. La droga la si può trovare e ordinare facilmente su internet e anche tracciare questi movimenti. Chi ne è dipendente ne ha bisogno quotidianamente e ne consuma parecchia, lasciando tracce evidenti nelle acque reflue. Se i sistemi nazionali di allerta per le droghe si attivassero anche su questo aspetto, sarebbe fondamentale, e si potrebbero ricavare informazioni rilevanti ed utili anche ai servizi di intelligence”.

F.B.