Omicidio bimbo 7 mesi

Henry Bartle, il 18enne che ha ucciso un bimbo di 7 mesi (Web)

Il fatto è avvenuto a Rome, distretto di New York. Henry Bartle, un ragazzo di 18 anni, stava pulendo il proprio fucile tenendolo fermo sul ventre. Stando a quanto racconta lui stesso, quando si è alzato dal divano sempre con l’arma in mano è partito accidentalmente un colpo che ha preso in pieno il figlio della fidanzata di soli 7 mesi. La prime domande sorgono davvero spontanee e tornano alla fine sempre sullo stesso punto, ovvero l’uso indiscriminato e folle che si fa delle armi negli States: cosa ci fa un fucile in una casa nella quale è presente un bimbo così piccolo? Perché mai pulire un fucile carico con un bambino davanti a sè? Perché quell’arma era carica?

Le domande sarebbero tantissime e la polizia probabilmente le starà facendo direttamente ad Henry Bartle che attualmente si trova in stato d’arresto ed è indagato per omicidio colposo. Bisognerà per l’appunto chiarire i motivi per i quali l’arma che, secondo le prime ricostruzioni, era in un primo momento scarica sia poi stata caricata con i proiettili. Così come servirà capire il ruolo nella vicenda della fidanzata, mamma della piccola vittima, e di un altro uomo non meglio identificato presente nel momento dell’omicidio.

F.B.