Bolletta della luce: tutte le novità previste

Contatore energia elettrica (Franco Origlia/ Getty Images)
Contatore energia elettrica (Franco Origlia/ Getty Images)

Dal primo gennaio gli utenti italiani pagheranno in modo equo per il reale consumo di elettricità: si tratta di un’importante novità all’interno di un processo di riforma strutturato in tre anni e che riguarderà 30 milioni di utenti. In una nota, l’Autorità per l’energia ha voluto evidenziare i principali aspetti di questa riforma: “Sostenere la diffusione di consumi efficienti oggi penalizzati da costi eccessivi, semplificare e rendere più trasparente la bolletta, rendere quello che paghiamo più equo e realmente aderente ai costi dei servizi di rete”.

In sostanza, il nuovo regime porterà risparmi alle famiglie numerose, mentre costerà un po’ di più alla famiglia tipo; infine verranno “stangati” i single benestanti. Nello specifico, per una famiglia tipo è previsto l’aumento di 21 euro in bolletta, mentre le famiglie numerose ne dovrebbero risparmiare 46. Il rincaro maggiore sarà per i single benestanti, che pagheranno 78 euro in più. Famiglie e single bisognosi non dovrebbero invece preoccuparsi: beneficeranno del bonus elettrico o bonus sociale di sconto, che dal prossimo anno viene automaticamente potenziato dall’Authority.

La stessa Autorità per l’energia, poi, ha anche sollecitato Governo e Parlamento a rafforzare il bonus portandolo dall’attuale 20% fino al 35% di spesa. Infine, la riforma dovrebbe sostenere e dare impulso all’uso di apparecchiature elettriche efficienti, come pompe di calore, auto elettriche o piastre a induzione, finora frenate dagli eccessivi costi di utilizzo per la progressività della tariffa e che potranno sostituire altre fonti energetiche molto meno rinnovabili come gas o gpl.

 

GM