La storia di Antonia: schiava sessuale del padre per 22 anni

Violenza Donne (Foto dal web)
Violenza Donne (Foto dal web)

Santiago del Estero, nord dell’Argentina. Sentite queste parole, che sembrano arrivare direttamente dall’ inferno: “Da quando la mamma ci ha lasciati io sono diventata la moglie di mio padre, che già mi violentava da quando avevo nove anni. Mi picchiava in continuazione e mi inseguiva con un bastone in mano se appena mi vedeva parlare con qualche vicino di casa oppure se voleva abusare di me. E molte volte mi stuprava davanti ai miei figli. Mi minacciava costantemente e io avevo sempre paura di essere uccisa: mi diceva che mi avrebbe ammazzata se avessi raccontato a qualcuno quello che succedeva in casa. Anche ora ho paura per la mia vita e per quella dei miei figli, perché sto ricevendo minacce dai fratelli di mio padre che mi vorrebbero obbligare a ritirare la denuncia contro di lui: loro non sono per niente preoccupati per quello che è successo in questi anni, vogliono solo che ritiri la denuncia. Ma io voglio che lui marcisca in galera. Voglio che sia fatta giustizia”. E’ lo straziante racconto di Antonia, ragazza argentina, che dall’età di 9 anni, è diventata la schiava del sesso di suo padre. La sua mamma, è andata via da casa, molto presto lasciando quel mostro  e i suoi tre figli. Per Antonia 22 anni di umiliazioni, violenze, stupri, minacce di morte, durante i quali ha messo al mondo otto bambini, tutti figli del 56enne, noto come “Vernacho”. Solo ora, a 37 anni, Antonia ha trovato il coraggio di raccontare tutto.

“Il mostro”, questo il termine più appropriato, appena ha saputo della denuncia, è scappato ma non è riuscito ad andare molto lontano: lo hanno preso nella città di Loreto e nella giornata di domani verrà subito sentito in tribunale, mentre sono stati già avviati i test del Dna per stabilire la paternità dei figli di Antonia: gli inquirenti non vogliono avere dubbi.
Questa terribile vicenda ha riportato alla mente quella di Elizabeth Fritzl, la donna tenuta segregata in casa per 24 anni, fino al 2008, dal padre Josef condannato poi all’ergastolo. Una storia orribile che portò alla nascita di sette figli e a un aborto: il padre fu condannato all’ergastolo.

MD