profugo molestatore

Il profugo molestatore (Web)

Un profugo proveniente dal Mali e accolto dall’Italia come richiedente asilo ha deciso di ripagare l’aiuto del nostro Paese iniziando a molestare ragazzine. L’immigrato ha 22 anni, era sbarcato a Lampedusa il 31 maggio scorso e risiedeva nel centro d’accoglienza di Montegalda in provincia di Vicenza.

Il 19 agosto scorso il ragazzo aveva molestato una ragazzina di 17 anni di Veggiano. Il maliano aveva tentato un normale approccio sfociato nel giro di pochi istanti in un vero e proprio tentativo di violenza dalla quale la giovane è riuscita a sfuggire. Il padre della vittima, informato dalla figlia dell’accaduto, era riuscito a bloccare il molestatore in attesa dei carabinieri che l’avevano immediatamente arrestato. Identificare il profugo non è stato facile dato che l’uomo aveva l’abitudine di usare nomi di altri immigrati e in un’occasione si era addirittura presentato come Karl Marx.

Ora è arrivata la condanna del Gup Cristina Cavaggion che ha inflitto al 22enne la pena di due anni e due mesi di reclusione. Tra l’altro dal processo è emerso che per il maliano quella di tentare violenze sessuali non era una pratica isolata dato che ha tentato lo stesso di tipo di molestia anche nei confronti di altre due ragazze, una minorenne che non ha mai sporto denuncia e una ventenne vicentina che invece aveva fatto querela contro il maliano.

F.B.