Zika virus: una donna ricoverata allo Spallanzani

Aedes Aegypti (Luis Robayo/Getty Images)
Aedes Aegypti (Luis Robayo/Getty Images)

Allarme in Italia per lo Zika, il virus che verrebbe trasmesso dalla zanzara già portatrice della dengue, la l’Aedes aegypti, causando danni cerebrali ai neonati. Nei giorni scorsi, molta preoccupazione era stata espressa di fronte al rischio di diffusione anche in Europa. Nelle scorse ore, una suora di 70 anni, rientrata pochi giorni fa dalla Colombia dove si trovava per una missione dedicata ai bambini, è stata “ricoverata la scorsa notte in stato febbrile”.

La suora è stata così trasferita all’ospedale Spallanzani di Roma, dove i risultati del test per capire se si tratta di Zika virus sono attesi in queste ore. Nel frattempo, nuovi casi di contagio si registrano in Gran Bretagna, Portogallo e Spagna, in soggetti che rientravano da viaggi nei Paesi dove è presente la zanzara Aedes Aegypti, vettore del virus. Tre i casi recenti nel Regno Unito, cinque in Portogallo.

Un nuovo caso è stato identificato recentemente a Treviso, dove una suora italo-venezuelana era arrivata per passare le vacanze di Natale, mentre il cittadino danese che ha contratto il virus aveva viaggiato in Centro e Sudamerica. A riferirlo è la radio Dr che cita fonti ospedaliere della città di Aarhus. Si attendono, dicono le autorità sanitarie europee, nuovi casi, ma l’invito è a evitare allarmismi, perché non ci sono prove che il virus possa trasmettersi localmente.

GM