Affida la figlia ai vicini per un anno, poi la terribile scoperta

(Web)
(Web)

Una donna dopo oltre un anno che affidava quasi tutti i giorni la propria bambina di 9 anni ai vicini di casa ha fatto una terribile scoperta. Il marito della coppia di vicini, un operaio vicentino di 46 anni, avrebbe abusato della piccola da sempre ed ora è accusato di violenza sessuale continuata su un minore.

Il tutto sarebbe emerso dopo una gita in Trentino fatta insieme dalla madre, la figlia e la coppia di vicini. Rientrati, l’uomo sarebbe restato da solo con la bambina per qualche minuto e quando la donna è rientrata nell’abitazione avrebbe sorpreso il 46enne mentre teneva la figlia a testa in giù. La piccola, secondo il racconto della donna, aveva i leggings bagnati. A quanto racconta la mamma in quell’occasione di fronte all’evidenza e messo alle strette dalla donna, l’operaio avrebbe ammesso tutto sostenendo di aver fatto “una cosa gravissima”.

Una volta arrestato però l’uomo avrebbe negato ogni addebito di fronte al pubblico ministero. Ma ad incastrarlo ci sarebbe anche il racconto della piccola vittima che avrebbe confidato alla mamma che episodi simili avvenivano da tempo ogni volta che veniva data in custodia ai vicini.

F.B.