Nichi Vendola e il compagno Eddy Testa diventano papà

Bari, ITALY: Portrait taken 15 March 2006 in Bari of Nichi Vendola, commonly known as Nichi, an Italian politician and the president of Apulia region. Nichi Vendola is the first member of the Communist Refoundation Party to be elected as president of any Italian region. AFP PHOTO / MARIO LAPORTA (Photo credit should read MARIO LAPORTA/AFP/Getty Images)
(MARIO LAPORTAGetty Images)

Il compagno di Nichi Vendola, Eddy Testa, sarebbe diventato padre genteico di un bambino che i due hanno chiamato Tobia Antonio. La notiza di bambino imminente era già trapelata nei giorni scorsi. La coppia si sarebbe rivolta ad una clinica californiana per ottenere il piccolo grazie all’utero in affitto.  Il parto è avvenuto negli Stati Uniti, dove Nichi ed Ed aspettano il riconoscimento formale della paternità  per entrambi. Tuttavia in Italia, dove la stepchild adoption è naufragata, l’ex governatore pugliese e leader di Sel non potrà fregiarsi di pari titolo. Ma potrebbe essere un sogno solo rimandato: nelle scorse ore il ministro Maria Elena Boschi, e prima di lei la senatrice Cirinnà, hanno rilanciato l’ipotesi di una nuova legge per le adozioni per le coppie gay e anche per i single. Il coronamento del sogno potrebbe dunque essere solo rimandato. Vendola e Testa dovrebbero in Italia a fine marzo. Ma secondo quanto raccontano gli amici dell’ex governatore, Nichi ed Ed avrebbero l’intenzione di rimanere all’estero almeno per due-tre mesi, al riparo da occhi indiscreti.
Secondo le indiscrezioni raccolte da ‘Libero‘, la madre genetica sarebbe californiana mentre l’utero dovrebbe essere di “una donna di origine indonesiana residente negli Stati Uniti”.
Un anno fa, il leader di Sel aveva espresso la volontà di cambiare vita: “Ho vissuto questi dieci anni da governatore della Puglia al cardiopalma – aveva detto – ma da maggio tutto cambierà. Appena lasciato l’incarico di presidente rifletterò anche se affrontare la paternità o no: è un pensiero che riposa in un angolo della mia vita e che ho sempre rimandato. Per quanto mi riguarda, ogni volta che leggo di un neonato abbandonato in un cassonetto dell’immondizia, vorrei correre a prendermi cura di quella creatura “. Vendola non aveva mai negato non solo il desiderio di essere genitore, ma anche quello di volere pronunciare il fatidico sì in un matrimonio. “Vorrei farlo” aveva detto a Repubblica: “Vorrei sposarmi con Ed…uso provocatoriamente questo mio sogno contro la pigrizia della politica sul tema dei diritti civili, che devono essere uguali per tutti e per tutte”.