Il “tesoretto” di Debora Sorgato frutto di affari illeciti?

Debora Sorgato (Facebook)
Debora Sorgato (Facebook)

Ci sarebbero diverse attività illecite e “truffe di alto livello” , secondo quanto riporta ‘Il Gazzettino’, dietro i 124 mila euro in mazzette che gli inquirenti hanno rinvenuto, nascosti insieme a due pistole, nell’armadio della camera da letto di Debora Sorgato, in carcere con il fratello e un’altra donna, Manuela Cacco, grazie anche alla segnalazione del compagno della donna, un maresciallo dei carabinieri al momento non coinvolto nell’indagine.

La conferma ufficiale riguardo l’esito delle indagini patrimoniali a carico di Freddy Sorgato accusato dell’omicidio di Isabella Noventa, accertamenti compiuti dalla Finanza sulle proprietà del 44enne e della sorella Debora, dovrebbe arrivare a giorni. Una delle pistole sequestrate alla Sorgato, la Beretta 765, sarebbe “fumante”, ovvero avrebbe sparato da poco, secondo quanto affermato da Gian Mario Balduin, l’avvocato di Paolo Noventa, fratello della segretaria uccisa e fatta sparire nel nulla.

Era stato il maresciallo dei carabinieri a denunciare il ritrovamento e Debora Sorgato ora è indagata anche per riciclaggio e detenzione illecita di armi. Nessuna conferma ufficiale sul fatto che l’arma abbia sparato da poco arriva dagli inquirenti, mentre a quanto pare sono ancora in corso le perizie balistiche disposte dalla Procura su quanto sequestrato in casa del maresciallo dei carabinieri.

GM