Spende 17.000 euro per ritrovare il cane, ma la ricerca diventa tragedia

(Web)
(Web)

Diciassette mila euro, è questa la cifra record spesa da Giacomo Locatelli, 50 anni di Bergamo. Il suo cane Attilio, un bovaro del bernese, era fuggito per paura dei fuochi d’artificio la sera del primo gennaio. E il suo padrone ha perso la testa, disposto a tutto pur di ritrovarlo a testimonianza di quanto possa essere forte il legame di un uomo col proprio cane. Il signor Locatelli ha iniziato a cercare Attilio senza sosta, mobilitando la comunità di Caorle e spendendo molti soldi tra manifesti affissi ovunque, investigatore privato e addirittura un sensitivo abile nel comunicare telepaticamente con gli animali.

Purtroppo la storia non ha un lieto fine, tutt’altro. Infatti dopo le disperate ricerche il bovaro è stato trovato morto tra gli scogli della spiaggia di Caorle, dove aveva cercato di nascondersi per paura dei “botti”. Giacomo Locatelli ora non riesce a darsi pace: “Il dolore che provo è immenso, avrei preferito continuare le ricerche a vita. Il cane è di mio figlio e l’ho portato con me a Caorle per trascorrere il capodanno”. Una storia tristissima che riporta in auge una questione annosa, quella dei botti di capodanno e di quanto possano spaventare e danneggiare i nostri animali domestici.

F.B.