Veronica Panarello è pazza?

Veronica Panarello (screen shoot you tube)
Veronica Panarello (screen shoot you tube)

Come avevamo anticipato qualche tempo fa la strategia difensiva di Veronica Panarello, accusata di aver ucciso il figlio Loris Stival, sta virando rapidamente sul tentativo di farle riconoscere l’infermità mentale nella speranza che la sua pena possa essere così più lieve. Dopo aver tentato di confondere le acque tirando in ballo il nonno paterno del bimbo Andrea Stival, pare che la Panarello si sia resa conto di non avere molte altre frecce al suo arco. La difesa della donna ha richiesto dunque una risonanza magnetica che secondo i legali dovrebbe dimostrare la sua infermità. Ma la polemica è presto servita: un esame di quel tipo può davvero decretare la “pazzia” o meno di una persona? Può far capire il suo stato di salute mentale? secondo il direttore del Dipartimento di salute mentale dell’Asl di Avellino, il dottor Antonio Acerra, questo esame è nullo ai fini delle indagini: “Le condizioni psicologiche non possono essere riscontrate con questo tipo di esame. Può servire per individuare una malattia come un tumore, ma non per evidenziare comportamenti stabilire le decisioni che una persona prenderà”. Tra l’altro i medici che l’hanno già visitata avrebbero rivelato che Veronica Panarello è sana di mente e quindi processabile. Ma gli avvocati della donna sperano quanto meno di allungare i tempi e ottenere ulteriori rinvii.

 F.B.

Leggi anche:

Veronica Panarello: altri dettagli scioccanti su Andrea Stival

Omicidio Stival, la perizia psichiatrica inguaia la mamma di Loris

Stival, la Panarello rischia: dove sono le prove contro il nonno?