Vede il Papa a Fiumicino, la hostess non trattiene l’emozione

(ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)
(ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

E dire che l’avevano avvisata. Vedere il Papa da vicino è un’emozione incredibile, difficile da controllare. Lei era piuttosto scettica sulla cosa, ma l’esperienza diretta le ha fatto decisamente cambiare idea. La protagonista di questa vicenda è Beatrice, hostess di 25 anni che dal 2012 lavora in Alitalia. Quando ha visto il Papa imbarcarsi per il volo che lo doveva portare a Lesbo non è riuscita a trattenere le lacrime e l’emozione. Ancora non riesce a spiegare quello che le sia accaduto e racconta così i fatti: “Ero davanti alla porta dell’aeromobile e lui, salendo, mi ha stretto la mano. Mi avevano detto che l’esperienza del volo papale era qualcosa di unico che ti avvicina alla tua parte spirituale, ma non immaginavo l’effetto che mi avrebbe fatto. In quel momento eravamo solo io e lui – ricorda – Era silenzioso ma aveva uno sguardo dolcissimo. Sono riuscita a trattenere le lacrime fino alla fine dell’imbarco, poi non ce l’ho fatta più e sono scoppiata”.

Un’esperienza che la giovane hostess definisce “indimenticabile”, con un pianto a dirotto dovuto alla tanta emozione che non riusciva ad arginarsi. Le colleghe l’hanno per così dire consolata e lei ha capito ora di aver vissuto un’esperienza che l’ha segnata nel profondo come solo l’incontro con un uomo di tale potenza spirituale e carisma personale poteva darle.

F.B.