Caso Ceste: arriva la seconda condanna per Michele Buoninconti

Michele Buoninconti Elena Ceste
Michele Buoninconti (Web)

L’ inviata di ‘Pomeriggio Cinque”, Laura Magli,  fu aggredita dal marito di Elena Ceste, Michele Buoninconti.  A sei mesi dall’aggressione oggi è arrivata la condanna per il pompiere salernitano. La donna, che lavora per il programma di Barbara D’Urso, era andata dai genitori di Elena Ceste per intervistarli, quando per caso si è imbattuta in Michele, appena l’ha vista ha cercato di aggredirla con un oggetto trovato per terra. “Michele appena mi ha visto è corso verso di me, si è piegato per prendere da terra un pezzo di legno, tipo di quelli con cui si tengono aperte le porte basculanti – racconta Magli in studio oggi a Pomeriggio 5 – ha alzato il braccio con l’oggetto in mano a due centimetri dal mio viso, con l’intento di colpirmi. Io mi sono protetta con le braccia, così lui mi ha colpita sulle gambe, dove ero ‘scopertà. Poi ha preso la telecamera con l’idea di cancellare il filmato, ma l’ha gettata a terra. Dopo l’aggressione, sono andata in ospedale ma, per carità cristiana, alla fine ho deciso di non denunciarlo”. “Buoninconti in Tribunale, durante il processo per la mia aggressione, mi guardava sempre e, durante il mio racconto, lui mugugnava continuamente con il suo avvocato – racconta ancora la giornalista – alla fine ha negato di avermi aggredito, ha detto che ci aveva semplicemente invitati ad andare via, ma il filmato dimostra che non è vero”. E infatti è arrivata la condanna.

MD