Isabella Noventa, la testimone: “Ho visto qualcosa nel fiume”

Isabella Noventa (foto dal web)
Isabella Noventa (foto dal web)

Si riaccendono i riflettori sul caso di Isabella Noventa, la 55enne segretaria di Albignasego, scomparsa da Padova a metà gennaio, per il cui delitto sono indagati Freddy Sorgato, sua sorella Debora e Manuela Cacco, attuale fidanzata del ballerino, fermati e tratti in arresto con l’accusa di omicidio premeditato in concorso. La novità arriva da una telefonata alla trasmissione “Quarto Grado” in cui una donna ha sostenuto di aver “visto una chioma che galleggiava sulle acque del fiume Brenta”, all’altezza di Dolo.

“Ho visto in superficie come se galleggiasse una chioma, era sul castano, ed era proprio in superficie …mi ha fatto venire i brividi…”, sono le parole della testimone, anche se la stessa trasmissione tiene a precisare che potrebbe essersi trattato di una parrucca. In ogni caso, proprio a partire da questa testimonianza, “Quarto Grado” si è messa a ricostruire tutte le strade che gli assassini potrebbero aver percorso in differenti orari per sbarazzarsi del cadavere di Isabella Noventa.

Nei giorni scorsi, fonti investigative hanno fatto sapere che le ricerche del cadavere della donna sono state circoscritte, con sopralluoghi mirati e gli inquirenti avrebbero eseguito un accurato controllo in un deposito della Q8, che si trova non distante dal Relax, il locale da ballo frequentato da Sorgato e dalla tabaccaia di Camponagara, e dove i due peraltro si recarono anche la notte del 15 gennaio scorso.

Le news di oggi in meno di 3 minuti

GM