Gesto estremo di un padre rimasto senza lavoro

Serravalle del Chienti e nel riquadro, Fabrizio Cerreti (foto dal web)
Serravalle del Chienti e nel riquadro, Fabrizio Cerreti (foto dal web)

Tragedia questa mattina, intorno all’ora di pranzo, a Serravalle del Chienti, nell’entroterra maceratese: un 53enne del luogo, Fabrizio Cerreti, disoccupato e con quattro figli, si è impiccato nella sua abitazione, davanti all’ufficio postale. Sul posto sono subito giunti i sanitari del 118 e i carabinieri della vicina stazione di Camerino, ma per l’uomo non c’è stato nulla da fare. Gli operatori dell’emergenza sanitaria del 118 hanno fatto davvero di tutto per strapparlo alla morte ma i tentativi sono risultati purtroppo vani.

L’uomo da tempo aveva perso il lavoro e, dopo la cassa integrazione, non riusciva a trovare una nuova occupazione. Inoltre, il 53nne soffriva di problemi di depressione, sembra proprio legati al suo stato di disoccupazione e qualche giorno fa aveva annunciato ad alcuni amici l’intenzione di farla finita. Come sempre, stamattina era andato a prendere un caffè nel bar del piccolo borgo, ma poi non si era fermato a parlare con amici e conoscenti, rientrando celermente a casa.

Proprio questo particolare ha insospettito i presenti, che così intorno alle 12.30, preoccupati dai silenzi provenienti dall’abitazione dell’uomo, hanno allertato i militari dell’Arma, che entrati in casa del 53enne hanno fatto la macabra scoperta e lanciato l’inutile allarme al 118.

Il tg del giorno in meno di tre minuti

GM