Rose bianche per l’ultimo saluto ad Alexandra

Alexandra Maich (foto dal web)
Alexandra Maich (foto dal web)

C’era anche l’ex marito, l’ex calciatore del Milan e della Nazionale azzurra Tomas Locatelli, per l’ultimo saluto ad Alexandra Maich, la 42enne originaria di Senigallia, prematuramente scomparsa a Bologna, dopo aver combattuto a lungo contro una terribile malattia. I funerali si sono svolti nella chiesa di Santa Maria della Neve al Portone con un cuscino di rose bianche che ricopriva una bara di legno chiaro. Affianco al feretro, in prima fila Giorgio ed Eleonora, i genitori della 42enne che, insieme al fratello Matteo.

Commossa l’omelia di don Giancarlo Giuliani: «Il nostro cammino può essere crudele e pieno di dolore. Alexandra è stata strappata alla vita troppo giovane, ma la porta di Dio si è aperta e lei ora sta vivendo nell’amore. A volte chiediamo a Dio d’intervenire per sistemare le cose, ma non sempre è possibile. Il disegno di nostro Signore era un altro e noi non possiamo cambiarlo. Nemmeno con le nostre preghiere”.

Il sacerdote ha proseguito: “Alexandra ora vive nella grazia del Signore e la sua famiglia deve trovare il coraggio per affrontare questo momento di dolore, che fa parte della nostra vita. Nel nostro percorso, in cui cerchiamo d’inseguire la gioia e la felicità, troviamo anche il dolore, la malattia ed a volte non riusciamo a superarla. Ogni cosa ci serve per capire, per riflettere e per sapere che la porta di Dio, esiste ed è pronta ad accoglierci”.

Il tg del giorno in meno di tre minuti

GM