La beffa del 25 aprile, muri tappezzati di foto di Mussolini

(Screenshot Youtube)
(Screenshot Youtube)

Shock a Schio, provincia di Vicenza. Una serie di manifesti con il volto del duce Benito Mussolini sono stati appesi nel centro della città veneta nel corso della scorsa notte, facendo indignare tutta la popolazione. Il sindaco Valter Orsi ha subito ordinato la loro rimozione. E’ stata certamente una provocazione da parte di ignoti, che hanno voluto così in qualche modo deturpare le celebrazioni per il 25 aprile. Sono infatti accorse centinaia di persone nella giornata di ieri nella cittadina veneta per le celebrazioni di questo giorno importante.

Schio, infatti, è città medaglia d’argento alla Resistenza per meriti acquisti nei numerosi combattimenti nel periodo 1943-45. Non solo, perchè è anche la città segnata dell’eccidio del 7 luglio ’45 con 54 persone (14 donne e 7 minorenni) trucidate a colpi di mitra da un commando partigiano comunista penetrato nell’allora carcere mandamentale di via Baratto, ora biblioteca civica Renato Bortoli.

M.O.