Scopre la moglie con l’amante: lei decide di vendicarsi

Pistole (RAUL ARBOLEDA/AFP/Getty Images)
Pistole (RAUL ARBOLEDA/AFP/Getty Images)

Condannato a cinque mesi di reclusione un 49enne residente in provincia di Padova, nel Camposampierese, che in casa nascondeva un silenziatore artigianale per fucili. L’uomo era stato rinviato a giudizio dopo la denuncia della moglie, che in base a quanto si è appreso si voleva vendicare. Sembra infatti che il 49enne, rientrato a casa senza avvertire, avrebbe sorpreso la moglie a letto con il suo amante, un giovane vigile urbano in forze alla polizia locale del luogo.

Il marito, per la gelosia e la rabbia, ha perso la testa, così prima ha insultato i due amanti e poi li ha cacciati di casa. Nonostante fosse stata scoperta in flagranza, la moglie si è sentita minacciata da tanta rabbia del marito e così – insieme al suo amante – si è presentata  proprio al comando dei vigili urbani qualche giorno dopo la scoperta del tradimento, sporgendo querela  contro il compagno. La donna lo ha segnalato come un uomo molto violento e ha spiegato che dorme con una pistola Beretta sotto il cuscino.

Inoltre la donna ha sostenuto che nel cruscotto dell’auto il marito tiene nascosta un’altra semiautomatica, mentre nel garage della loro abitazione ha occultato un silenziatore per carabina da lui costruito con un tubo d’acciaio.

IL TG DI OGGI IN MENO DI 3 MINUTI – VIDEO


GM