Un lamento straziante, il vicino sta macellando le pecore

Pecora macellata (foto dal web)
Pecora macellata (foto dal web)

Una famiglia di origine albanese composta da papà, mamma e due figlie, stava preparando i festeggiamenti per la Pasqua ortodossa e aveva deciso di macellare due pecore nel giardino di casa, appendendola a un albero. Quando i vicini, richiamati dai belati strazianti, che sul far della sera provenivano dall’abitazione adiacente, si sono affacciati alla finestra, assistendo così al macabro spettacolo delle due pecore appese a testa in giù, hanno deciso di chiamare i carabinieri.

L’episodio è avvenuto non lontano dal centro di Arquà Polesine, in via San Vincenzo, in provincia di Rovigo. Quando i militari dell’Arma, assieme al veterinario dell’Ulss 18, sono giunti sul posto, per uno dei due animali non c’era più nulla da fare, dal momento che era già stato ucciso, appeso a testa in giù e in corso di macellazione. Salvata, invece, la seconda pecora, che stava per fare verosimilmente la stessa fine. I due albanesi che si stavano dedicando alla macellazione degli animali dovranno rispondere di violazione delle norme igienico-sanitarie relative alla macellazione a domicilio, mentre è stato denunciato anche l’italiano che avrebbe venduto le due pecore.

 

GM