Carabinieri in lutto, il maresciallo Massaccesi ha lottato fino alla fine

Massimo Massaccesi (foto dal web)
Massimo Massaccesi (foto dal web)

E’ morto l’altra notte il maresciallo capo Massimo Massaccesi, comandante della stazione dei carabinieri di Nocera Umbra, anche se era noto soprattutto nell’alto Maceratese dove a lungo aveva prestato servizio. Il carabiniere aveva 47 anni e da tempo era afflitto da un male gravissimo, contro il quale ha lottato fino alla fine, non arrendendosi nemmeno negli ultimi giorni di vita, quando era ormai chiaro che solo un miracolo avrebbe potuto salvarlo. Lascia la moglie Annalisa e due figli piccoli, Giacomo e Massimo Maria di 8 e 5 anni.

Il ricordo di Massimo Massaccesi da parte degli abitanti di Camerino è legato soprattutto alle sue straordinarie doti umane, espresse in particolare nei difficilissimi mesi del terremoto del 1997 che colpì Marche e Umbria e dell’emergenza che ne seguì. Nelle scorse ore, è arrivato in visita all’obitorio dell’ospedale Silvestrini di Perugia il sottosegretario al Ministero dell’Interno Gianpiero Bocci, mentre qualche settimana prima della sua morte il maresciallo aveva ricevuto ad Assisi la visita del Comandante Generale dell’Arma Tullio Del Sette, un commovente incontro privato in cui Massaccesi aveva ancora una volta manifestato l’intenzione di non arrendersi e di tornare in servizio.

 

GM