Il capolavoro di Ranieri si chiama Leicester

BEN STANSALL/AFP/Getty Images)
Foto: Ben Stansall (AFP/Getty Images)

Chelsea Tottenham è appena finita col punteggio di 2-2. Gli Spurs, avanti di due reti, perdono la testa nel secondo tempo e si fanno raggiungere nel finale da una prodezza di Eden Hazard. Al triplice fischio la città di Leicester esplode di gioia; nei pub, colmi di tifosi dal primo pomeriggio, la birra scorre a fiumi tra canti e balli.

Foto: Ross Kinnaird Getty Images
Foto: Ross Kinnaird Getty Images

Tutti sono in festa, le varie emittenti si collegano con la casa del bomber Jamie Vardy, con le piazze in delirio.Ma, in tutto questo festeggiare, all’appello manca qualcuno, l’artefice di tutto. Colui che ha reso possibile questo sogno: Claudio Ranieri. Il condottiero delle Foxes non si trova: è in aereo, di rientro dall’Italia dov’è stato a trovare la mamma. Una promessa fatta in tempi non sospetti, ma alla quale Ranieri non si è sottratto neanche in un momento così cruciale per la sua lunga carriera costellata di secondi posti. Ma questo è Claudio Ranieri un uomo dai valori veri troppo spesso denigrato. Un allenatore, additato come eterno secondo, che non ha mai perso il piacere di fare questo mestiere e che alla fine ha saputo ritagliarsi un posto nella storia, proprio nella patria del calcio. Complimenti Claudio un lavoro straordinario un trionfo meritato.

C.S.

Nel video l’omaggio della redazione all’impresa di Claudio Ranieri