1 maggio da incubo per 50 bambini dell’oratorio: l’autista…

    1710860_pullman_22

    Primo maggio da incubo per 50 bambini lombardi di un oratorio della provincia di Milano (Bareggio) che nella giornata di festa avrebbero dovuto fare una gita a Brescia. Era tutto pronto, tutto organizzato, poi la triste sorpresa. Al momento della partenza, la polizia di Pero-Rho ha bloccato tutto poichè l’autista del mezzo, un 34enne, figlio della proprietaria di una società di trasporti di Boffalora sopra Ticino, è stato scoperto senza patente e con un pullman senza revisione. Erano stati gli stessi genitori dei bambini impegnati in questa gita a chiedere un controllo sull’efficienza dei pullman utilizzati per trasportare i propri figli in gita turistica.

    ”Oltre che senza patente di guida, l’uomo era senza carta di circolazione e senza l’autorizzazione al trasporto di persone’‘, ha fatto sapere successivamente la polizia. Da questo controllo sono stati poi scoperti altri quattro autobus fuori norma. Dalla nota della Polizia si legge ancora che ”tre di questi avevano la revisione scaduta da 5 anni e uno con la revisione falsa”. I mezzi, che fino a quel momento avevano circolato anche in autostrada, con passeggeri a bordo, sono stati sequestrati. La proprietaria della società, una donna di 60 anni, è ora indagata per il reato di falso in pubblico.