Canone Rai, l’Enel ammette: “E’ caos totale”

(Websource)
(Websource)

Il canone Rai si pagherà nella bolletta elettrica. Ormai tutto è deciso e chiaro. O forse no? ad avere qualche dubbio è una parte decisamente in causa dato che a parlare è Francesco Starace, l’amministratore delegato di Enel, ovvero l’ente che dovrà riscuotere l’odiata tassa per conto della tv di Stato. Il dirigente intervenuto a Il messaggero ha detto che questa è una vera e propria patata bollente della quale l’Enel avrebbe anche fatto a meno, ma dalla quale non ha potuto esimersi visti gli obblighi nei confronti del governo italiano. Starace ammette: “Manca ancora un passaggio formale. Il nostro ciclo di fatturazione è di due mesi. A luglio si riceveranno le bollette che noi prepariamo a maggio. C’ è ancora qualche giorno di margine, credo che si possa riuscire”. E poi aggiunge qualche preoccupazione per l’immediato futuro: “La gestione sarà molto complessa, soprattutto i primi mesi. Già oggi il 5 per cento delle telefonate che ricevono i nostri call center sono per il canone. Questo 5%, una volta che questo farà la sua comparsa sulla bolletta, potrà diventare il 50% o addirittura il 70%. Noi ci stiamo preparando molto seriamente”.

E infine arriva la confessione: “Fare l’esattore per la Rai non è un ruolo per me entusiasmante, ma non potevamo dire ‘non lo vogliamo mettere in bolletta’, perché se prendete l’ultima pagina della bolletta elettrica e leggete quello che c’è dentro, trovate di tutto. Il canone tv è una delle cose più odiate, ma anche pagare lo smantellamento delle centrali nucleari credo non sia piacevole per nessuno”.

F.B.