Addio a Rita Fantozzi: funerali con polemiche

Rita Fantozzi (Facebook)
Rita Fantozzi (Facebook)

La parrocchia Gran Madre di Dio a Roma era gremita ieri per l’ultimo saluto alla giornalista parlamentare Rita Fantozzi, scomparsa ad appena 47 anni dopo una malattia contro la quale ha combattuto fino all’ultimo. Al rito funebre erano presenti tra gli altri l’ex presidente della Camera Gianfranco Fini, di cui Rita Fantozzi è stata capo dell’ufficio stampa, e il ministro della Salute Beatrice Lorenzin presso la cui struttura di comunicazione la giornalista ha lavorato finché la malattia glielo ha consentito.

Rita Fantozzi è stata anche alla guida dell’Ufficio stampa del Pdl e a ricordarla alla Camera dei deputati è stato il suo collaboratore in quell’esperienza Luca D’Alessandro: “Nel suo lavoro ha saputo amalgamare, cosa rara, l’impegno del suo ruolo con un codice non scritto ma morale fatto di rispetto per le esigenze dei colleghi giornalisti, tutti. Senza far mancare l’allegria e la voglia di vivere che nell’ultimo anno l’ha vista combattere come una leonessa contro un male terribile che ha affrontato con dignità e coraggio. Ci mancherà tantissimo”.

Polemica invece riguardo le presenze ai funerali per il tweet di Enzo Iacopino, presidente dell’Ordine dei Giornalisti, che si è sfogato: “Chiesa piena. Commozione amici veri. Ma tanti che avrebbero dovuto rispettarla in vita. Esco Straccioni”. A lui si è associata Melania Rizzoli, moglie del defunto editore Angelo Rizzoli e in passato candidata con Pdl e Forza Italia: “Ipocrisia Pdl e Forza Italia che si dolgono per Rita Fantozzi. Loro che l’hanno licenziata e abbandonata. Ha avuto un aiuto concreto solo da Bea Lorenzin e da poche persone che le sono state vicino davvero”.

Il riferimento è al licenziamento di 42 dipendenti della sede di Forza Italia di piazza in Lucina, tra cui proprio Rita Fantozzi. Ha chiarito Iacopino: “Davanti a decine e decine di dichiarazioni di apprezzamento delle qualità professionali (e umane, cosa per me più importante) di Rita, vedere lì molti che non avevano avuto alcun rispetto per lei in vita, mi ha portato a uscire dalla Chiesa. La morte non può essere una passerella. Così ho scritto quel che penso: il loro comportamento è, e resta, da straccioni”.
Il tg del giorno in meno di tre minuti

GM