Caso Ragusa, il supertestimone esce dal carcere

Loris Gozi (foto dal web)
Loris Gozi (foto dal web)

Il caso di Roberta Ragusa, 44enne di Gello di San Giuliano Terme in provincia di Pisa, sparita nella notte tra il 13 e il 14 gennaio del 2012, si arricchisce oggi di un nuovo elemento. Il super testimone Loris Gozi, colui che ha raccontato di aver visto Antonio Logli per strada in un orario in cui il marito della donna scomparsa aveva invece detto di essere andato a dormire, ha lasciato il carcere Don Bosco di Pisa. L’uomo si trovava detenuto con l’accusa di furto aggravato e dopo quasi tre anni dietro le sbarre torna a vedere la libertà. In questo periodo l’uomo non ha mai fatto mancare il proprio apporto alle indagini su Roberta Ragusa e proprio questa sua collaborazione è stata usata dai suoi avvocati come dimostrazione del suo cambiamento e della sua volontà di non tornare più a delinquere.

Nei giorni scorsi erano emersi nuovi elementi in merito alla vicenda che sembra non avere fine dato che il corpo di Roberta Ragusa non è mai stato trovato. Si parlava in particolare del boschetto di San Giuliano Terme, il luogo dove potrebbe essere stato portato il corpo della donna, e di un misterioso incendio che sarebbe avvenuto proprio nei giorni immediatamente successivi alla scomparsa della Ragusa. Una pista in parte smentita dalla Protezione Civile che rimane comunque sotto analisi da parte degli inquirenti.

F.B.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO