La mamma scompare, la paura della figlia: “Mi chiama sempre”

Slavica Kostic (foto dal web)
Slavica Kostic (foto dal web)

Dallo scorso 26 aprile di lei non si avevano più notizie, ora arriva la drammatica verità sulla sorte della 37enne Slavica Kostic, di nazionalità serba, scomparsa a Trieste: la donna è stata ritrovata senza vita sull’altopiano carsico al confine con la Slovenia. La polizia ha fermato l’ex marito, che messo alle strette ha confermato quanto aveva brutalmente commesso, ovvero l’assassinio della 37enne, che era stata poi seppellita per farne sparire le tracce. La donna  spesso si recava a Trieste per lavorare come badante. Una persona precisa e puntuale, come veniva descritta dai conoscenti.

La scomparsa di Slavica Kostic era stata denunciata dalla figlia Nevena, allarmata perché la madre, in Italia per lavorare tre settimane, non rispondeva al telefono e in nessun modo faceva avere sue notizie. “Ci sentiamo al telefono due, tre volte al giorno  ma domenica, dopo avermi comunicato di essere giunta regolarmente a Trieste, alle 20.30, e un’altra chiamata alle 21.50, non ha più risposto alle chiamate. Il cellulare risulta spento, una circostanza che non succede mai”.

La donna avrebbe dovuto dormire a casa dell’ex marito, un appartemento che usava come  “appoggio” quando era in città. Sin da subito sull’uomo si erano catalizzati tremendi sospetti. Gli uomini della Squadra Mobile hanno eseguito il provvedimento di fermo dopo aver reperito numerosi indizi di colpevolezza. Da una prima ispezione dell’abitazione, tutto risultava in ordine; ma gli investigatori con l’ausilio della Polizia Scientifica interregionale di Padova hanno utilizzato il «Luminol» per individuare tracce biologiche che sono emerse, segno che qualcuno aveva compiuto un’azione violenta e quindi ripulito tutto per poi sbarazzarsi del cadavere. Dall’esame del traffico telefonico e autostradale è emerso che la notte del delitto l’uomo era arrivato in città. Ai poliziotti aveva raccontato di essere invece rimasto sempre in Serbia, e aveva prodotto alcune foto della vettura rimasta «accidentalmente» distrutta da un incendio. Circostanza, quest’ultima, smentita da una consulenza tecnica che ha dimostrato la natura dolosa del rogo. Dalle sue ammissioni non è stata ancora chiarita la dinamica del delitto ma il movente ricalca altri episodi simili: una coppia in crisi e separata, e una contesa sull’appartamento di Trieste, che era stato acquistato dall’uomo ma risultava intestato alla donna.

Il ritrovamento del corpo di Slavica Kostic avviene nelle stesse ore in cui diversi sono i casi tremendi di femminicidi denunciati, gli ultimi in ordine di tempo quello della maestra uccisa dall’ex compagno, l’omicidio-suicidio avvenuto a Pordenone e la strage familiare di Taranto. Sempre nelle scorse ore, Anna Della Cioppa, 52enne di Bellona, in provincia di Caserta, scomparsa ieri dalla sua casa , dove viveva con il compagno, è stata trovata morta bruciata.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM