Rosboch, le tracce nell’auto di Obert rivelano chi è l’assassino

Glorira Rosboch (Web)
Gloria Rosboch (Web)

Arrivano grandi novità nel caso dell’omicidio di Gloria Rosboch dalla perizia effettuata dai carabinieri del Ris di Parma sulle vetture di Obert e di Defilippi. Innanzitutto nell’auto di Obert sono state trovate tracce di urina che apperterrebbero con ogni probabilità alla vittima. Un segno evidente della sua presenza su quella macchina, ma anche un dettaglio che potrebbe far pensare ad una reazione fisica per il terrore provato una volta compreso ciò che sarebbe accaduto. Altri elementi fondamentali trovati nella Twingo Bianca sono le impronte biologiche e digitali di Obert presenti solo sul lato guida e quelle di Defilippi solo sul lato posteriore. Un dettaglio che fa convergere tutti i sospetti definitivamente su quest’ultimo come autore materiale dell’omicidio e che allo stesso tempo scagiona dall’accusa di omicidio Efisia Rossignoli, la telefonista della truffa.

Un altro dettaglio importante è che non ci sono tracce né impronte sul parabrezza rotto della Twingo, portato a riparare in un’officina di Cuorgnè da Obert, pochi giorni dopo il delitto avvenuto il 13 gennaio. Tramonta dunque definitivamente l’ipotesi che sia stata Gloria a rompere quel vetro in un ultimo e disperato tentativo di scappare.

F.B.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO