Stasi, incredibile mossa per non risarcire la famiglia di Chiara

Stasi
Alberto Stasi (Youtube)

Pur di non risarcire, come ha previsto la condanna per l’omicidio di Chiara Poggi, la famiglia della ragazza Alberto Stasi è pronto a tutto. Lo possiamo dedurre dalla clamorosa mossa effettuata nelle ultime ore. Una decisione che di fatto lo svincola dall’assolvere quel tipo di obbligo nei confronti di chi lo trattava come un figlio e poi lo ha visto uccidere propria figlia. Stasi ha infatti rifiutato l’eredità di suo padre, scomparso nel 2013, e quindi, risultando nullatenente, non dovrà pagare il risarcimento previsto dalla condanna a 16 anni inflittagli in Cassazione. La sentenza della Corte di Appello, confermata dalla Suprema Corte, aveva stabilito che Stasi dovesse corrispondere un milione e 100 mila euro ai genitori e al fratello di Chiara, oltre al rimborso delle spese processuali, pari a circa 200 mila euro.

Ora lui con questa mossa astuta e vigliacca risulta nullatenente. Ma gli avvocati della famiglia Poggi non demordono e hanno già fatto sapere che ricorreranno in sede civile per ottenere da Stasi quanto disposto dalla sentenza. Uno dei legali, l’avvocato Tizzoni, spiega quali sarebbero stati i beni lasciati da Stasi padre al figlio: “Un negozio avviato di autoricambi, dei beni immobili (tra i quali una casa al mare) e diverse altre proprietà, senza contare denari e conti correnti. Per un totale non di milioni ma comunque per diverse centinaia di migliaia di euro, come il mio studio ha potuto verificare leggendo gli atti notarili relativi all’eredità; che tra l’altro non presentava debiti – continua il legale dei Poggi – per cui è anomalo che anche dopo un inventario non si sia proceduto a formale accettazione”.

F.B.