“Non sono soddisfatto”: ore di angoscia per una prostituta

Prostitute a Roma (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)
Prostitute a Roma (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Ha agganciato una prostituta 26enne di nazionalità romena e poi – non soddisfatto della prestazione sessuale – l’ha sequestrata: protagonista dalle vicenda, avvenuta in via Palmiro Togliatti, è un 38enne romano, recidivo per aver commesso in passato reati analoghi. La “colpa” della prostituta era quella di pretendere altri soldi, così l’uomo dopo aver finto di tentare prelievi da diversi bancomat della zona si è diretto con la ragazza a bordo, sul raccordo anulare. La ragazza a quel punto ha iniziato a preoccuparsi e ha chiamato i carabinieri.

Il Nucleo Radiomobile di Roma hanno organizzato vari posti di blocco intercettando l’auto presso l’uscita del raccordo in via della Bufalotta. Quanto ha visto i carabinieri, l’uomo ha tentato la fuga, quindi ne è nato un breve inseguimento nel corso del quale la prostituta si è lanciata dall’auto in corsa, riportando varie contusioni, per fortuna non gravi. Poco dopo, il fuggitivo è stato raggiunto e bloccato: aveva con sé un grosso coltello da cucina. Processato per direttissima, ha patteggiato due anni di reclusione. La giovane donna invece ha riportato ferite guaribili in 15 giorni.

Nelle stesse ore, a Genova, un cinquantenne residente nel capoluogo ligure con precedenti penali ha perso la testa quando la prostituta con la quale si vedeva abitualmente ha rifiutato di dargli un appuntamento. L’uomo è entrato furtivamente nell’appartamento della donna, poi ha rapito il suo cagnolino. A quel punto è tornato a casa sua e lo ha lanciato dal balcone facendogli fare un volo terribile e mortale di ben otto piani.

 
TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM