Tragico incidente di montagna: gravissimo il bilancio

I due alpinisti (foto dal web)
I due alpinisti (foto dal web)

Precipitati nel vuoto, mentre scalavano il Gran Sasso: questa la tragica fine di due alpinisti dei quali non si avevano notizie da ieri, caduti nel vuoto e ritrovati dal Soccorso Alpino e dal 118. Stando alle prime notizie, le vittime sarebbero due rocciatori considerati molto esperti per i quali ieri i familiari hanno appunto denunciato il “mancato rientro”. Si tratta di Roberto Iannilli, 60 anni di Cerveteri in provincia di Roma, e Luca D’Andrea, di Sulmona. Iannilli è considerato uno dei massimi esperti di arrampicata in Italia. Ha aperto centinaia di nuovi itinerari sia nel nostro Paese, sia all’estero. Ha vinto per due volte il premio ‘Consiglio’, massimo riconoscimento alpinistico italian

Il Soccorso Alpino li avrebbe trovati ancora legati tra loro. Secondo la ricostruzione uno dei due potrebbe aver perso l’appiglio e avrebbe così provocato la caduta del compagno. Tale ipotesi verrà però confermata solo da indagini successive. La certezza, al momento, è che si tratta dell’ennesimo incidente di montagna mortale. Alcuni soccorritori hanno immediatamente parlato di “corpi da recuperare”, poi sono arrivate le tragiche conferme. L’incidente è avvenuto sulla parete nord del monte Camicia.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM