1915540_nomadi.jpg.pagespeed.ce.UVVJUahPV-

A Porto Sant’Elpidio, nelle Marche, i ‘rom’ sembrano essere sempre meno nomadi e sempre più fissi, stanziali. Da qualche giorno, infatti, sono tornati gli zingari in via Mirafiori e nonostante gli ostacoli di cemento e le transenne per limitare la sosta abusiva, questi hanno trovato il modo per ovviare ai sistemi antintrusione studiati dall’amministrazione locale.

I blocchi in cemento posizionati ad arte per evitare il passaggio e la sosta delle case su ruote vengono regolarmente spostati senza che nessuno dica loro niente. In questa parte della città, con le aziende in ferie e dunque chiuse, i rom possono passare, a loro volta, delle tranquille ‘ferie’, aggirando i divieti che sono stati pensati per loro. In queste ore e da almeno un paio di giorni le ultime segnalazioni arrivate alla Polizia Municipale dai residenti in zone limitrofe sono arrivate numerose anche dalla strada San Filippo.

L’utilizzo di transenne e limitatori ha comunque permesso di limitare l’arrivo di camper e roulotte abusive, visto che solo l’estate scorsa se ne contavano una quarantina circa. I residenti, comunque, sono sempre meno bendisposti nei confronti di queste comitive nomadi e di queste occupazioni di aree pubbliche attrezzate. Anche perchè, alla fine del bivacco, queste persone lasciano le aree occupate piene di immondizia e di conseguenti odori non certo edificanti.

M.O.