Amatrice: trovato morto tra le macerie il figlio del questore Santarelli

(Web)
(Web)

Aveva 26 anni Marco Santarelli ed era chef. Era il figlio del questore di Frosinone Filippo Santarelli. Si trovava ad Amatrice da solo a casa dei nonni. Da quanto si è appreso era arrivato nel comune d’origine della famiglia  per una breve vacanza. L’abitazione in cui alloggiava è andata completamente distrutta dal sisma che ha colpito nella nottata la cittadina in provincia di Rieti. Il questore Santarelli appena è venuto a conoscenza del terremoto ha provato a contattare immediatamente il figlio che però non rispondeva al cellulare. Di fronte a questo silenzio ha quindi deciso di recarsi sul posto di persona. Numerosi i messaggi di cordoglio: “Voglio esprimere la mia vicinanza a tutti gli abitanti delle città colpite dall’evento sismico di questa notte. In particolar modo alle popolazioni ed ai sindaci di Amatrice ed Accumoli dove si e’ verificata una vera e propria catastrofe. Esprimo le mie più sentite condoglianze alla famiglia del Questore di Frosinone, Filippo Santarelli per la perdita del giovane figlio Marco, anch’egli vittima del terremoto e a tutti i familiari delle persone rimaste uccise a causa del sisma che ha scosso l’intero centro Italia”, queste le parole del sindaco di Cassino Carlo Maria D’Alessandro. E ancora: “Le mie più sentite condoglianze al questore di Frosinone e alla sua famiglia – si legge in una nota di Abruzzese consigliere regionale – per la perdita del caro figlio Marco, anch’egli purtroppo vittima del sisma che ha devastato in modo particolare Amatrice e Accumoli. Intanto l’intera zona della Ciociaria si è mobilitata in aiuto delle popolazioni: da Frosinone sono partiti diversi vigili del fuoco da Anagni i volontari della protezione civile e in diversi comuni è stata avviata la raccolta di beni di prima necessità. A Sora inoltre è stato allestito  un centro di raccolta dove è possibile consegnare prodotti alimentari e viveri, vestiti, materiale igienico e sanitario, sacchi a pelo e coperte destinate alla popolazione. Il centro, istituito nella sala Unità di Crisi della polizia locale, resterà aperto tutti i giorni dalle ore 8 alle 24.

T.B.