Lady Renzi torna in cattedra: prof di ruolo in centro a Firenze

Agnese Landini (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)
Agnese Landini (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Torna in cattedra Agnese Landini, moglie del premier Matteo Renzi, che dopo due anni all’istituto Balducci di Pontassieve, sarà insegnante di ruolo all’istituto tecnico linguistico Peano di Firenze. La scelta è stata presa dalla preside dell’istituto tramite la chiamata diretta. In passato Agnese Landini aveva lavorato, sempre come insegnante di Italiano e latino, nei licei Galileo e Machiavelli-Capponi. Aveva poi lasciato quando il marito era divenuto presidente del Consiglio.

Quindi si rimise in fila in attesa delle nomine, ebbe poi un part-time al Balducci, a due passi da casa. Qualche mese dopo, anche per lei arrivò l’assunzione grazie alla ‘fase c’ della Buona scuola. Un iter fortunato, contrariamente a molti altri: a pochi giorni dall’inizio dell’anno scolastico, infatti, tra i trasferimenti fuori Regione e la rabbia dei docenti Gae (ovvero ancora inseriti nelle graduatorie a esaurimento e non di ruolo), sembra regnare il caos.

Nei giorni scorsi, c’erano state proteste in tutta Italia: al presidio di Napoli era presente una docente con un punteggio di 93, Giuditta Carannante, che ha avuto il trasferimento a Verona. La donna aveva raccontato: “Sono disperata, la mia richiesta di conciliazione non è stata ritenuta impellente e ora, dopo 25 anni di servizio e sacrifici, mi vedo costretta a rivolgermi ai giudici: non posso accettare un trasferimento a 860 chilometri da casa mia, non posso abbandonare i miei figli”.

Le proteste intanto non si placano: il Coordinamento nazionale Docenti in GaE ha organizzato una mobilitazione per stamattina a Roma davanti al MIUR. Il gruppo, come si legge sul comunicato che spiega le ragioni della protesta, si sta mobilitando per la salvaguardia dei diritti dei docenti rimasti nelle Graduatorie ad Esaurimento nel rispetto della legge 107.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM