(Archivio/Websource)

(Archivio/Websource)

Ronald Read era un veterano di guerra e di professione nella vita faceva il bidello nella sua città, Brattleboro, nel Vermont. Viveva una vita semplice e parsimoniosa. Primo della sua famiglia a prendere il diploma, trascorreva le sue giornate raccogliendo rami secchi per la sua stufa. Una vita frugale, da risparmiatore certo. Aveva una macchina di seconda mano, vestiti rammendati per evitare di comprarne dei nuovi. Ma quando morì, il 2 giugno del 2014, all’età di 92 anni, nessuno avrebbe mai potuto immaginare che l’uomo conservasse una fortuna milionaria. Ronald infatti, grazie al mercato azionario, ma anche alla sua vita improntata al risparmio, aveva costruito una fortuna, arrivando ad accumulare 8 milioni di dollari, all’insaputa di parenti e amici più stretti. Nessuno sapeva nulla del suo segreto. Oltre al patrimonio accumulato, il vecchio signore aveva di prezioso anche il suo cuore. L’intera somma è stata infatti dall’uomo lasciata in eredità alla biblioteca e all’ospedale della sua città, in modo che quest’ultimo potesse estendere l’orario di apertura e avviare i lavori di ristrutturazione. “È stata una manna dal cielo”, ha ammesso il direttore della biblioteca, Jerry Carbone. “In quanto self-made man, con tutti i suoi investimenti, Read conosceva la natura trasformativa della biblioteca, ciò che può fare per la gente”, ha affermato in riferimento all’ingente donazione da parte dell’anziano milionario.
Pochi mesi fa un altro milionario benefattore aveva allietato con il suo lascito testamentario moltissime famiglie. I quel caso i destinatari della sua eredità erano stati i suoi stessi dipendenti.
BC