Era tra i No TAV, ora guardate cosa fa

Davide Grasso (Websource/archivio)
Davide Grasso (Websource/archivio)

Davide Grasso cambia vita e passa da una lotta all’altra. Il ragazzo aveva combattuto accanto ai No TAV in Val di Susa, ma ora sembra aver deciso di dare ai suoi scontri un respiro decisamente più internazionale. Volto storico del centro sociale Askatasuna, ha deciso di lasciare la sua Torino per unirsi alle Ypg, in pratica le brigate curde che combattono contro l’Isis sul fronte siriano. Il tutto è documentato da un video che lo stesso Grasso ha caricato sul web, una clip di circa 20 minuti in cui compare a volto coperto e con un kalashnikov in mano.

Gli inquirenti ora studiano il video per captare eventuali elementi interessanti. Sinora erano arrivate molte segnalazioni di persone che avevano lasciato l’Italia per arruolarsi nell’Isis, in questo caso però stiamo parlando dell’esatto contrario. Nel filmato Grasso non risparmia nessuno, critica aspramente Renzi per la posizione che sta tenendo nei confronti della Turchia e prende di mira soprattutto Erdogan. Poi passa all’attacco anche per quanto riguarda la Mogherini e Salvini e infine si scaglia anche contro Staffan de Mistura, negoziatore Onu per la pace in Siria. Grasso conclude il video sparando verso l’alto, in memoria Valeria Solesin, la ricercatrice italiana uccisa il 13 novembre al Bataclan. Inoltre arriva poi l’appello di un militare curdo, che invita gli italiani ad arruolarsi. Grasso ha 36 anni ed è ricercatore di filosofia e allievo di Maurizio Ferraris. In passato il ragazzo è stato accusato per l’occupazione di una ditta impegnata nel cantiere di Chiomonte.

Antonio Russo