Killer di una minorenne se la spassa con una spogliarellista – VIDEO

(Websource / Mirror)
(Websource / Mirror)

Ha ucciso una studentessa colpendola con almeno 146 coltellate fatali, ed eccolo ora che grida “sono un pervertito” mentre palpeggia una ballerina nuda in uno squallido video. John Leathem, il killer della povera 15enne Paige Doherty, si lascia spalmare addosso della panna montata dalla donna prima che quest’ultima gli tiri giù i pantaloni. Il giovane è in attesa di scontare la sentenza per l’omicidio di cui è accusato e il video in questione è emerso quando lui era stato già incarcerato a Low Moss, vicino Glasgow.

Il filmato, ripreso con un telefonino, mostra i suoi atteggiamenti tra il goliardico e l’osceno, probabilmente anche a causa dell’alcol, mentre la ragazza lo asseconda e i suoi compagni, sullo sfondo, fanno il tifo per lui. Sarebbe stato girato la sera del suo addio al celibato (l’assassino è sposato e ha due figli) e dura diversi minuti. Alla fine, Leathem grida: “Sono un pervertito. Tu c**** l’hai visto!”. Una fonte citata dai colleghi del Mirror ha raccontato che “ci sono due video di Leathem con una spogliarellista. Il filmato è stato girato il 16 aprile 2011. Un video è stato ripreso con un Blackberry e l’altro con un iPhone”.

Leathem si è dichiarato colpevole dell’assassinio di Paige la mattina dello scorso 19 marzo nel ristorante takeaway che gestiva nella sua città natale, Clydebank. Aveva continuato a servire i suoi clienti per ore dopo l’omicidio, ma non prima di aver gettato il cadavere della ragazza lungo una strada. Nessuno a parte lui conosce il motivo di un gesto tanto efferato. Nel corso dell udienze ha tentato di infangare la reputazione della ragazza sostenendo che lo aveva accusato di aggressione sessuale per farsi assumere, e secondo il suo difensore quella calunnia gli avrebbe fatto saltare i nervi, perché suo fratello è in carcere per stupro. Ma la sua versione non ha fatto presa. Questo video sembra ora un ennesimo, grave insulto alla memoria di quella povera ragazza. L’unica consolazione, se così si può dire, è che ora potrà difficilmente sottrarsi all’ergastolo.

(Websource / Mirror)
(Websource / Mirror)
(Websource / Mirror)
(Websource / Mirror)

EDS