Valeria Marini sui debiti di Gigi D’Alessio “Un dolore enorme”

(Archivio/Websource)
(Archivio/Websource)

200 mila euro. Questo il debito che Gigi d’Alessio avrebbe maturato nei confronti di Valeria Marini. A raccontarlo proprio la showgirl al settimanale “Oggi”. “Gigi è un amico, una persona di famiglia come lo è Anna Tatangelo. E’ successo che quattro o cinque anni fa, ha avuto un momento di grande difficoltà e io gli sono andata in aiuto con la cifra che è stata detta. Un prestito all’amico del cuore”. La Marini avrebbe infatti prestato questa somma al cantautore napoletano, senza ancora averla indietro. Antonio Villani, legale della soubrette, ha richiesto al giudice l’emissione di un decreto ingiuntivo con conseguente pignoramento di parte dei diritti musicali del cantante. “E’ stato un dolore enorme” ha ammesso Valeria Marini “una strada che io non avrei mai voluto intraprendere. Ma vedevo che Gigi continuava a frequentare quella persona che ha creato tanti problemi anche a me e ho lasciato che le cose andassero per vie legali”. Questo in riferimento al fatto che D’Alessio aveva il progetto, poi rivelatosi fallimentare, di riportare in Italia il marchio Lambretta proprio con l’ex marito della showgirl, Giovanni Cottone. “Poi invece ci siamo chiariti, lui mi ha detto che con quella persona lì cercava solo di trovare una soluzione. Io allora ho chiuso la telefonata in questo modo: ‘Gigi, la nostra amicizia non ha prezzo'”, prosegue ancora la soubrette. “Ormai il problema è superato. E poi dei soldi chi se ne importa, si possono riguadagnare. Gigi è un grande artista e un uomo buono, che si è fatto da solo. Non merita di ritrovarsi alla gogna mediatica. Rifarei quello che ho fatto per lui. Lo stimo e gli voglio bene”. Sulla vicenda pochi giorni fa era intervenuto lo stesso D’Alessio, cercando di fare chiarezza sulle, a suo dire, falsità dette sul proprio conto, attraverso un lungo post su Facebook indirizzato al Corriere della sera. Tra i due personaggi dello spettacolo attualmente deve essere definito un accordo che prevede un anticipo di trenta mila euro per proseguire poi con rate mensili di 5 mila. Al cantautore napoletano è stata nel frattempo pignorata la villa in Sardegna e diversi terreni, appartamenti e società di sua proprietà.
BC